Gruppo Scientifico AMB Missaglia

DESCRIZIONE DELLA SPECIE

  [Indietro a Ritrovamenti]  [Indietro a Indice specie]

    Divisione    

    Eumycota

    Classe

    Basidiomycetes

    Ordine

    Tricholomatales

    Famiglia

    Amanitaceae

     
    Amanita caesarea (Scop: Fr.) Pers.   
    Dal latino “caesarea” = degna dei cesari intesi come imperatori, per la sua bontà.
    Nome dialettale: cocch (così chiamato anche nelle nostre zone).

Cappello: 8 ÷ 20 cm. nasce ad uovo con la parte più grossa rivolta verso l’alto, poi ovoidale-appianato. Cuticola separabile, liscia, brillante, leggermente vischiosa a tempo umido. Colore rosso-arancio. Margine regolare, striato.

Lamelle: libere al gambo, molto fitte, lamellule presenti, color giallo dorato.

Gambo: cilindrico, carnoso, base ingrossata, color giallo, anello ampio, membranoso, striato concolore al gambo. Gambo lanuginoso, pieno ma presto farcito da una sostanza lanuginosa. Volva ampia, tenace, spessa e bianca.

Carne: bianca (al taglio sotto la cuticola e la corteccia del gambo gialla), senza odore, sapore dolciastro.

Habitat: classico fungo dei boschi caldi di latifoglia. Quercia, castagno, nocciolo. Molto più comune nel sud Italia, rara ma presente nei nostri boschi collinari, che per la presenza di roverelle sono più appenninici che alpini. Il periodo di crescita classico nelle nostre zone (Montevecchia – S. Genesio etc.) è Agosto ÷ Settembre.

Commestibilitá: commestibile. È il più pregiato dopo i tartufi, uno dei pochi funghi apprezzati crudi in insalata.

Note: le testimonianze dei nostri nonni dimostrano che questo fungo era abbondante molti anni fa quando i boschi erano particolarmente curati e quando la negligenza umana non era così sviluppata da rovinare tutto il sottobosco. Oggi per esempio è tassativamente proibito raccogliere questi funghi allo stadio (iniziale) di uovo, in quanto non potrebbero depositare le spore e quindi riprodursi. La confusione è la stessa che per A. phalloides (vedi).  Inoltre sono state segnalate confusioni con Amanita aureola (Kalchr.) Vesely velenosa, che però possiede lamelle bianche, gambo e anello bianco.

 

Amanita caesarea

Amanita caesarea

Amanita caesarea

 

 

   Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo 

Copyright(c)  2007 - 2008 GSM AMBMissaglia. Tutti i diritti riservati.