Gruppo Scientifico AMB Missaglia

DESCRIZIONE DELLA SPECIE

[Indietro a Ritrovamenti]  [Indietro a Indice specie]

    Divisione    

    Eumycota

    Classe

    Basidiomycetes

    Ordine

    Agaricales

    Famiglia

    Cortinariaceae

     
    Cortinarius orellanus   Fr.  
    Da Bixia Orellana = erba che secerne un liquido aranciato. Per il suo colore arancio.

Cappello:  3-8 cm, convesso, poi disteso con piccolo umbone, cuticola liscia, secca, ricoperta da  minuscole    squamettature  che  le  danno  un  aspetto  vellutato, colore  arancio, bruno  rossiccio, margine   involuto, poi disteso, sottile, leggermente debordante sulle lamelle.

Lamelle: annesse, spaziate, inframezzate   da   numerose  lamellule, color  giallo  zafferano, poi  ocra per  le spore mature.

Gambo:  cilindrico, flessuoso, a volte eccentrico, attenuato alla base, color giallo  tenue, liscio  e  di aspetto sericeo, con fibrille più scure, resti di cortina poco evidenti.

Carne:   abbastanza consistente nel cappello, fibrosa nel gambo, giallo ocra, con odore rafanoide.

Habitat:  boschi di latifoglie, sotto quercia e castagno. Abbastanza diffuso.

Commestibilità:  velenoso mortale.

Note: è un fungo che si sta di ffondendo visibilmente anche nei nostri  territori  ed  è  considerato  una  delle  specie  più velenose  assieme  all’Amanita phalloides. I suoi sintomi di intossicazione si  possono  manifestare  fino  a  15-20 giorni dopo l’ingerimento, in  quanto  possiede  un  veleno, l’orellanina, che  entra  in  circolazione  nel  sangue  e  manifesta  a distanza di tempo i suoi sintomi irreversibili sull’apparato renale.

 

Cortinarius orellanus

Cortinarius orellanus   Fr.

 

    Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo

Copyright(c)  2007 - 2008 GSM AMBMissaglia. Tutti i diritti riservati.