Gruppo Scientifico AMB Missaglia

DESCRIZIONE DELLA SPECIE

[Indietro a Ritrovamenti]  [Indietro a Indice specie]

    Divisione    

     Ascomycota

    Classe

    Ascomycetes

    Ordine

     Pezizales

    Famiglia

     Helvellaceae
     
    Helvella crispa   (Scop.: Fr.) Fr. 
    Dal latino "crispus" = increspato. Per la forma del cappello (o mitria).

Mitra: 3 ÷ 5 cm, irregolare, formata da due o tre lobi disposti a forma  di  sella, ondulati  e  in  parte  ripiegati verso  il  gambo, di colore  biancastro con sfumature nocciola e  aspetto vellutato, con la  parte fertile rivolta verso l’esterno.

Gambo:  cilindrico, più largo alla base e attenuato in alto, con marcate ed evidenti costolature  longitudinali che lo percorrono in tutta la sua lunghezza, bianco, poi crema.

Carne: fragile e cassante, di aspetto ceraceo, bianca, senza odore e sapore particolari.

Habitat: ai margini dei boschi di latifoglie e aghifoglie, ma anche ai  bordi di strade  e  sentieri, nell'erba, da Settembre a Novembre.

Commestibilitá: commestibile dopo prolungata cottura.

Note:  è la specie più diffusa delle Helvelle, altro  Genere   appartenente  alla  Classe  degli  Ascomycetes, di  sembianze inconfondibili per il suo aspetto. Helvella  lactea, con   mitra  e  gambo  di  colore  bianco  ghiaccio, di  dimensioni   più  piccole e crescente su substrato di diversa natura gli è simile, ed entrambe  le  specie non hanno alcun valore ai fini della commestibilitá.

 

Helvella crispa

Helvella crispa

  

         Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo

Copyright(c)  2007 - 2008 GSM AMBMissaglia. Tutti i diritti riservati.