Gruppo Scientifico AMB Missaglia

DESCRIZIONE DELLA SPECIE

[Indietro a Ritrovamenti]  [Indietro a Indice specie]

    Divisione    

    Eumycota

    Classe

    Basidiomycetes

    Ordine

    Gasteromycetales

    Famiglia

    Lycoperdaceae
     
    Lycoperdon perlatum  Pers.: Pers.  
    Dal latino "perlatus" = perlato. Perché ricoperto da verruche come piccole perle.

Carpoforo:  largo 2-4cm, alto 2-6cm, a forma  di  pera  rovesciata,  bianco  candido   nell’aspetto quando  il   fungo   è   giovane, per   poi   assumere   un   colore  nocciola  o  bruno  chiaro  in età, con esoperidio (strato superficiale  esterno)   ricoperto   da   aculei  conici, fragili, che   si   distaccano facilmente, come una specie di  grossa  pruina, circondati da aculei più esili che, distaccandosi  mano  a  mano che  il  fungo  si  ingrossa, formano  delle  screpolature  poligonali  sulla sua superficie.

Gleba:  bianca, poi di colore ocra, infine bruno olivastra. Subgleba più scura, brunastra.

Habitat: boschi di latifoglie e conifere, anche cespitoso,  estate autunno.

Commestibilità: commestibile da giovane, quando  la  gleba  al  taglio risulta  di  un  colore  bianco puro.

Note:  è un fungo molto comune e ubiquitario,  ma di scarso valore culinario. La polvere sporale che si trova  all’interno della gleba, a maturazione esce da un orefizio che si apre sull’esoperidio come un piccolo sbuffo di fumo scuro.Gli è somigliante Lycoperdon pyriforme, di un leggero colore giallo ocra, che cresce cespitoso su resti di tronchi  o  resti di legno.

 

Lycoperdon perlatum

Lycoperdon perlatum

          Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo 

Copyright(c)  2007 - 2008 GSM AMBMissaglia. Tutti i diritti riservati.