Gruppo Scientifico AMB Missaglia

DESCRIZIONE DELLA SPECIE

[Indietro a Ritrovamenti]   [Indietro a Indice specie]

    Divisione    

    Eumycota

    Classe

    Basidiomycetes

    Ordine

    Polyporales

    Famiglia

    Polyporaceae
     
    Polyporus squamosus (Huds:  Fr.) Fr.
    Dal latino squamosus = per il cappello rivestito di squame.

Cappello: fungo lignicolo, enorme che può raggiungere i 60 cm. di diametro. Ha forma semicircolare, raro un solo cappello, ma quasi sempre con cappelli concrescenti. Attaccato a tronchi come mensole. Giallo ocra di fondo ma finemente cosparso da squamette molto più scure concentriche. Margine molte volte revoluto.

Tubuli: decorrenti sul gambo, molto corti.

Pori: rotondi, da piccoli nel giovane a molto più grandi. Color crema.

Gambo: cilindrico, corto, tozzo, laterale, nero alla base.

Carne: tenera nel giovane poi dura e coriacea, sapore dolciastro, odore di buccia d’anguria.

Habitat: fungo parassita per eccellenza, attacca e porta a morte in breve tempo molte specie di latifoglie soprattutto nei nostri parchi e giardini (tigli, aceri, etc.), fine Aprile, Maggio, Giugno.

Commestibilitá: non commestibile per la sua carne coriacea

Note: il Genere Polyporus come il Genere Boletus presenta una parte fertile (sotto il cappello chiamata imenio) composta da una sorta di tubicini (tubuli) e da pori finali che guardano verso terra. La differenza tra i due generi è così riassumibile : Genere Polyporus = lignicolo, parassita, imenio non staccabile, Genere Boletus = simbionte di molte piante e con imenio staccabile. Gli esemplari giovani possono essere consumati.

 

 Polyporus squamosus

 Polyporus squamosus

    Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo 

Copyright(c)  2007 - 2008 GSM AMBMissaglia. Tutti i diritti riservati.