Gruppo Scientifico AMB Missaglia

DESCRIZIONE DELLA SPECIE

Indietro a Ritrovamenti] [Indietro a Indice specie

    Divisione    

    Eumycota

    Classe

    Basidiomycetes

    Ordine

    Russulales

    Famiglia

    Russulaceae

     
    Russula nigricans (Bull) Fr.
    Dal latino nigricans = nereggiante. Per la carne annerente.

Cappello: 7 ÷ 20 cm. fortemente depresso (il centro mostra un profondo solco). Cuticola secca, di colore biancastro-brunastro macchiato di nero, che dona al fungo un aspetto molto sporco. Margine liscio a lungo involuto.

Lamelle: arrotondate al gambo, molto larghe, spesse e fragili con presenza di lamellule molto evidenti. Da giovane color avorio poi giallastre che si macchiano di rossastro allo sfregamento, alla fine nerastre.

Gambo: cilindrico, corto, massiccio, duro, bianco con macchie rossastre, nerastro al tocco. Pieno poi farcito nel vecchio.

Carne: biancastra, diventa al taglio rossastra e successivamente nerastra. Carne dura e soda. Odore insignificante, sapore lentamente acre (soprattutto le lamelle).

Habitat: molto comune in tutti i tipi di bosco e altitudine.Da Agosto ad Ottobre inoltrato.

Commestibilitá: non commestibile per la carne dura e stopposa.

Note: russula ben presente in tutto il nostro territorio, abbondante. Si possono osservare esemplari essiccati sul terreno e neri anche dopo mesi e mesi di permanenza. Le russole anche se ben determinabili come Genere sono di difficilissima determinazione come specie. Possiedono carne cassante (frattura netta, tipo gesso) in quanto le sue cellule sono sferiche e quindi di scarsa coesione.

 

Russula nigricans

          Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo 

Copyright(c)  2007 - 2008 GSM AMBMissaglia. Tutti i diritti riservati.