Gruppo Scientifico AMB Missaglia

DESCRIZIONE DELLA SPECIE

[Indietro a Ritrovamenti] [Indietro a Indice specie]

    Divisione    

     

    Classe

    Ascomycetes

    Ordine

     

    Famiglia

     
     
    Scleroderma citrinum   Pers.: Pers. 
    Dal latino "citrus" = cedro. Per il colore giallo da giovane
    Sinonimi:      Scleroderma vulgare   Fr.
                       Scleroderma aurantium  ss. auct.

Carpoforo:  3-10cm,  globoso, schiacciato in alto, reniforme, sodo, con filamenti  miceliari  alla base, senza   accenno  di  gambo, di colore giallo pallido tendente al bruno, superficie esterna (esoperidio) dura  e  spessa,  screpolata in areole, ruvida, ricoperta di scaglie e verruche di colore marrone.

Gleba:  all’inizio  bianca, poi  violacea, venata  da  fibrille  che  gli  danno  un  aspetto marmorizzato, infine nerastra, che si dissolve in una massa cotonosa (capillizio) e polverosa.

Habitat:  ubiquitario, in   boschi  di  latifoglie  e  aghifoglie, prati  e  pascoli, luoghi  sabbiosi  e  poveri   di elementi nutritivi e in terreni abbandonati. Dalla tarda primavera fino all’inizio dell’inverno.

Commestibilità:  non commestibile

Note: specie molto comune che si trova soprattutto nei  terreni  aperti  e  magri, in numerosi esemplari a  volte cespitosi, e  spesso parassitati da Xerocomus  parasiticus. Molto  robusto  e  resistente, alla rottura o per compressione emette  una  polvere  nera  costituita dalle spore mature  presenti  nella  gleba. Gli  è somigliante  Scleroderma  verrucosum, di  color bruno caffelatte e finemente squamato, che predilige un habitat ricco di humus e di elementi nutritivi.

 

Scleroderma citrinum

Scleroderma citrinum

    Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo

Copyright(c)  2007 - 2008 GSM AMBMissaglia. Tutti i diritti riservati.